Saturday, 25 May 2013

Commento: Beauty Like The Night / La Bellezza della Notte (serie La famiglia Rutledge)


Autore: Liz Carlyle
Titolo Originale: Beauty Like The Night 
Titolo Italiano: La Bellezza della Notte   (non disponibile)
Anno di Pubblicazione: 2000
 
Genere: Romance
Ambientazione: Inghilterra, Regency
Serie: 1° della serie Rutledge Family


Giudizio:  10/10






Non conoscevo l'autrice ed è stata una bella scoperta.


Camden "Cam" Rutledge, conte di Treyhern è uomo triste, irrascibile, solitario, con mani da contadino e l'anima di un poeta (per alcuni aspetti mi ha ricordato Philip Crane); suo padre è stato un uomo dissoluto e dilapidatore, tanto da costringere un giovane Cam a prendersi a carico la situazione economica disastrata della famiglia.
Rimasto vedovo di una moglie infedele, deve ora prendersi cura della sua piccola figlia Ariane; purtroppo la bambina ha un grosso problema, che tormenta il giovane ed amorevole padre: non parla.
La bellissima ed affascinante Helene de Severs, di origini fracesi, vissuta per diverso tempo in Inghilterra ma trasferitasi poi nel continente, si è costruita una rispettabile carriera nella cura di bambini problematici, motivo per cui viene assunta in qualità di governante, per cercare di trovare una soluzione per il mutismo della piccola Ariane. Dopo aver accettato il posto, tuttavia scopre che il suo datore di lavoro è il suo grande amore adolescenziale e che lei non ha mai dimenticato.
Nel Gloucestershire, a Chalcote, residenza dei Rutledge, si trova immediatamente faccia a faccia con Cam ed entrambi comprendono che è come se non si fossero mai lasciati; i due si scoprono ancora innamoratissimi; ma ci sono delle incomprensioni, quelle che li hanno divisi dieci anni prima e che devono ancora essere chiarite, delle remore riguardo alle vite che si sono costuiti durante gli anni in cui sono stati lontani, e soprattutto c'è la piccola Ariane di cui prendersi cura.




E' una storia estremamente coinvolgente, tra l'altro scritta benissimo; è un romanzo lungo per la media del genere, ma, ad esempio,, contrariamente ai libri che ho letto di Stephanie Laurens, similmente lunghi, questo non è mai noioso, ripetitivo o "annacquato".
E' molto dolce e profonda la relazione che intercorre fra i due innamorati, Cam è angosciato dall'amore che prova per Helene, sa di averla sempre amata, ma non sapere se anche lei prova lo stesso lo tormenta infinitamente e le pagine con le sue turbe e i suoi dubbi mi sono piaciute veramente molto (il romanzo è scritto in prima persona).
Ho adorato in generale i personaggi, sono molto profondi e molti caratterizzati, è facile empatizzare con loro. Helene è perfetta, ha un splendido carattere e le interazioni con Cam sono estremamente appassionanti, mentre quelle con il fratello minore di lui, Randolph Bentham "Bentley", hanno un aspetto protettivo e quasi materno che tocca note dal commovente al divertente; mi è piaciuta molto la duplicità della natura del conte, è duro ma anche estreamente dolce, turbolento ma anche calmo e tranquillo.
La storia di Ariane è la ciliegina sulla torta; sono magnifici ed affascinanti i pensieri e le opinioni su quello che le succede intorno: l'arrivo di Helene, il problematico giovane zio Bentley (The devil you know), i ricordi che ha di sua madre, l'amore e l'affetto verso suo padre, sua zia Catherine (No true gentleman) e, soprattutto il motivo per cui non parla...



Una parentesi: ora, io non so se sia un caso, ma ci sono tre nomi qui usati ed adoperati anche dalla mia adorata Kleypas, nella stupenda serie Hathaway: il mio diletto zingaro Cam (Mine till midnight), che di cognome fa Rohan (che è anche il nome del protagonista del secondo libro di questa serie della Carlyle) ed infine Rutledge, stesso cognome di Harry (Tempt me at twilight).
E' un ottimo romanzo e non vedo l'ora di leggere i capitoli successivi della serie.


Buona lettura!




M.E.G.










Serie La famiglia Rutledge: 1. Beauty like the night (Camden, Helene)
                                                  2. No true gentleman (Catherine, Maximilian)
                                                  3. The devil you know (Bentley, Frederica)
                                                           



No comments:

Post a Comment