Wednesday, 1 May 2013

Commento: How to Marry a Marquis / Io Ti Avrò (serie Agenti della corona)


Autrice: Julia Qinn 
Titolo Originale: How To Marry A Marquis 
Titolo Italiano: Io Ti Avrò   (non disponibile) 
Anno Pubblicazione: 1999 

Genere: Romance 
Ambientazione: Inghilterra, Regency 
Serie: 2° della serie degli Agenti della Corona 


Giudizio: 81/2/10






E' un peccato che, secondo me, ci siano alcune stonature, altrimenti sarebbe stato perfetto. 
Non ho fatto mistero, nei commenti della serie Bridgerton (Le vie dell'amore, Romancing Mister Bridgerton, When He Was Wicked) e di Splendid, dell'ammirazione che ho verso Julia Quinn, la sua straordinaria arguzia ed inventiva (vedi Lady Whistledown) e il suo perfetto modo di scrivere; tuttavia, con rammarico devo dire che alcune scene, poche, sono un po' disarmoniche. Ciò nondimeno è una bellissima storia e con note, a volte commoventi.


Elizabeth Hotchkiss è la dama di compagnia della famigerata, anziana ma con uno spirito da fare invidia a un quindicenne, Lady Danbury (già incontrata spesso nella serie dei Bridgerton).
Elizabeth e i suoi tre fratelli minori, sono rimasti orfani, in breve tempo, di entrambi i genitori; nonostante siano figli di un barone, non hanno un soldo in tasca e perciò, dato che l'unica fonte di guadagno deriva dall'impiego della giovane sorella maggiore presso Lady D., sono costretti ad economizzare all'osso per poter sopravvivere dignitosamente. 
L'unica via di salvezza è trovare un marito danaroso. Il "destino" interviene facendo trovare ad Elizabeth, nella libreria di casa Danbury, un libro intitolato How To Marry A Marquis (= Come sposare un marchese); affascinata ed incuriosita e non avendo niente da perdere, decide di praticare e testare i consigli, riportati nel romanzo, sul nuovo, bellissimo e misterioso amministratore della sua datrice di lavoro, James Siddons. Il mero esercizio delle regole del libro, non rimarrà tale per molto.
Imprevisti, segreti, rivelazioni e ricatti si frapporranno tra i due giovani e il loro sentimento nato da un gioco.





Il romanzo è spesso e volentiri esilarante! Julia Quinn che si contraddistingue anche per la freschezza, lo spirito e l'umorismo con cui scrive, qui, in questo senso, ha superato se stessa. 

Leggendo la trama di Io Ti Avrò, prima di comprarlo, ho pensato "ecco, già Elizabeth mi sta antipatica", l'impressione che avevo avuto di lei era di un'arrivista, altezzosa e senza scrupoli...beh non mi potevo sbagliare di più: l'ho adorata, è divertentissima; la Quinn le mette in bocca le battute migliori del libro, è solare, orgogliosa, matura, passionale, fedele, ostinata e dolce: perfetta. 
James a sua volta è un bel personaggio, ma la sua vitalità e il perché sono dovuti prevalentemente a Elizabeth; le interazioni tra i due e soprattutto i dialoghi, sono molto belli. 

Mi trovo comunque, a dover fare un paio di appunti: 1) alcune scene, soprattutto quella in cui sono tutti (non sto a specificare chi siano i tutti) a casa di Elizabeth, sono un po' troppo surreali e nel caso specifico di quella appena menzionata, anche un pelo eccessiva, tanto di rischiare di scadere nel ridicolo, senza riuscirci per fortuna.
2) L'epilogo non mi è piaciuto, per quanto io apprezzi l'idea di come è stato pensato, ho apprezzato meno come è stato scritto, con questa sorta di botta e risposta fra i due protagonisti che risulta un po' imbarazzante.

Ve lo consiglio comunque caldamente.

Buona lettura!


M.E.G.






Serie Gli Agenti della Corona: 1. La spia della corona (Blake, Caroline)
                                                      2. Io ti avrò (James, Elizabeth)
                           

 

No comments:

Post a Comment