Friday, 3 May 2013

Commento: On the Way to the Wedding / Il Vero Amore Esiste (serie Bridgerton)


Autore: Julia Quinn
Titolo Originale: On the Way to the Wedding
Titolo Italiano: Il Vero Amore Esiste  (non disponibile)
Anno Pubblicazione: 2006 

Genere: Romance
Ambientazione: Inghilterra, Regency
Serie: 8° della serie delle Bridgerton



Giudizio: 81/2/10






Il romanzo parte veramente molto bene, il prologo è eccezionale, però secondo me, poco dopo la metà, perde un po' di smalto e nonostante sia comunque un bel libro (non mi aspettavo diversamente dall'ultimo della serie Bridgerton) e dal momento che ha un ottimo intreccio, avrebbe potuto "aggiustarsi" meglio nella seconda parte.



Gregory è il penultimo dei fratelli Bridgerton (ha ben diciassette anni di differenza con il primogenito, il visconte Anthony); ora ha ventisei anni è bello come gli altri fratelli, ai quali tra l'altro assomiglia molto, ed è decisamente un romantico: crede nell'amore e lo desidera ardentemente.
Quando, ad un ballo organizzato da Kate e Anthony (Il visconte che mi amava), vede per la prima volta Miss Hermione Watson, se ne innamora all'istante (o almeno ne è convinto...).
Hermione è bellissima, molto dolce, sognatrice e altrettanto romantica; la ragazza è accompagnata dalla sua migliore amica Lady Lucinda Abernathy che invece è razionale, pragmatica, scettica, molto ironica, estremamente particolare e sì, crede nell'amore, ma crede anche che non faccia per lei.
Quando a Lucy è evidente (e vista la bellezza della sua migliore amica è anche abituata a vedere mandrie di spasimanti) che Gregory è molto preso da Hermione, decide di intercedere ed aiutare il ragazzo, dandogli consigli su come conquistarla; non aveva però previsto che si sarebbe innamorata a sua volta del giovane Bridgerton.



Gregory mi è piaciuto, avevo molte aspettative nei suoi confronti in effetti; diciamo che il suo repentino pluri-innamoramento mi ha fatto tenerezza, l'ho anche apprezzato parecchio però in un paio di occasioni m'ha fatto storcere il naso...almeno fino a quando la Quinn non ha spiegato meglio i sentimenti di entrambi i protagonisti.
Mi è piaciuta di più Lucinda, per il suo carattere soprattutto, ma anche per il modo di relazionarsi con Gregory, in particolar modo nella prima parte del romanzo.
Sono stata contena di ritrovare Kate, la moglie di Anthony Bridgerton, e vedere il rapporto che ha con il giovane fratello del marito; mi è sempre piaciuta, probabilmente è la donna della serie che preferisco dopo Penelope, moglie di Colin, a sua volta mio preferito (Romancing mister Bridgerton).

 
La storia è un po' intricata però "grazie" a non so chi, precedentemente al prologo, in dieci righe, ci viene spiegata tutta la maledetta storia! Era proprio necessario 'sto rissunto dettagliato prima di cominciare a leggere il libro?!...va bene che il finale è prevedibile, però cavolo. (Io ho letto il libro in inglese ed in Kindle, quindi magari non c'è su tutte le versioni, o almeno lo spererei).

Ciononostante, ribadisco, il prologo è fenomenale e l'acutezza della Quinn nel trovare espedienti sorprendenti (vedi Lady Whistledown), si ripropone anche qui con delle frasi (spesso molto divertenti) che aprono ogni capitolo, dando un incipit di quello che si andrà a leggere.

La vera perla è il secondo epilogo: The Bridgertons: Happily ever after.


Peccato che sia finita.


Buona lettura!


M.E.G. 



Serie Bridgerton: 1. Il duca ed io (Daphne, Simon)
                                2. Il visconte che mi amava (Anthony, Kate)
                                3. La proposta di un gentiluomo (Benedict, Sophie)
                                4. Un uomo da conquistare (Colin, Penelope)
                                5. A Sir Philip con amore (Eloise, Philip)
                                6. Amare un libertino (Francesca, Michael)
                                7. Tutto in un bacio (Hycinth, Gareth)
                                8. Il vero amore esiste (Gregory, Lucy)
                                9. The Bridgertons: happily ever after



No comments:

Post a Comment