Wednesday, 29 May 2013

Commento: Return of the Warrior / Il Ritorno del Guerriero (serie Brotherhood of the Sword)


Autore: Kinley MacGregor
Titolo Originale:
Return of the Warrior
Titolo Italiano: Il Ritorno del Guerriero   (non disponibile)
Anno Pubblicazione: 2005 

Genere: Romance
Ambientazione: Inghilterra, Francia, Italia, Taagaria e Elgedera
                                   (= Nord Africa e Medio Oriente), Basso Medioevo
Serie: 5° della serie Brotherhood of the Sword
          


Giudizio:  9/10
Christian di Acre è un componente fondamentale della Confraternita della Spada, fondata durante la prigionia in Terra Santa (siamo nel periodo iniziale dei quasi tre secoli di Crociate).
Gli orrori delle prigioni saracene sono terribili ed umilianti e, quello che nasce come gruppo ristretto e segreto, in poco tempo divampa: ogni ragazzo salvato dalla cattività saracena diventa membro della Confraternita, che ha lo scopo di aiutare in ogni modo coloro che sono passati attraverso l'inferno delle Crociate. 
I Quinfortis sono i fondatori della Spada: the Wraith (Simon - Midsummer's Knight), the Widowmaker (Stryder - Dark Champion), the Scot (nome sconosciuto), the Abbot (Christian), the Sorcherer (El Sahhaar, Nassir). Hanno riunito e organizzato la fuga, loro e degli altri imprigionati, una volta liberi si sono organizzati per aiutare altri a scappare e reinserirsi nel modo che li aveva abbandonati alla brutalità. (Anche Sin - Born in Sin fa parte della Spada).

E' evidente, se avete letto i capitoli precedenti della serie, che i nostri protagonisti, da questa orribile esperienza, hanno riportato delle ferite molto profonde e difficilmente guaribili; sono tormentati dai fantasmi che, dopo la fuga da Gerusalemme, non li hanno mai abbandonati.
Le disgrazie di Christian, tuttavia, non si sono limitate alle Crociate; è un principe ed è l'erede al trono di Elgedera (un regno tra Tripoli ed Antiochia), i suoi genitori sono stati assassinati quando ancora bambino e per salvaguardare la sua incolumità è stato portato in un monastero dove ha vissuto per diverso tempo, seguendo le regole ferree del silenzio e della penitenza; quando però anche il monastero è stato misteriosamente attaccato, Christian è finito dalla padella alla brace: in Terra Santa.
Ora non ha nessuna intenzione di reclamare il suo trono, preferendo la vita dedicata alla Confraternita, o almeno così sarebbe, fin quando una donna bellissima e vagamente esotica, si presenta in camera sua, dichiarando di essere sua moglie.
Adara è la regina di Taagaria, un piccolo regno confinante con Elgedera; è minacciata dalle sommosse di Selwyn e Basilli (gli usurpatori del trono di Christian) e l'unica soluzione è di riportare a casa suo marito ed erede legittimo.
Sposatisi quando ancora bambini, Abbot inizialmente non ricorda il loro matrimonio; improvvisamente attaccati da dei uomini di Selwyn, sono costretti ad una fuga repentina.
Quinfortis
Christian, che è un uomo bellissimo, è subito estremamente attratto da sua moglie, ma si rifiuta di aiutarla in quello che lei richiede: consumare il loro matrimonio, tornare a casa con lei ed eventualmente creare un erede. 
Abbot (soprannominato così per la sua permanenza nel monastero e perché veste con un saio) e Adara, accompagnati da Lutian, fedele-amico-un-po'-tocco della regina, scappano dalla taverna in cui sono stati attaccati e il viaggio che affronteranno insieme, darà loro la possibilità di creare un forte legame e di riconsiderare delle posizioni precedentemente prese da entrambi.
Durante il cammino si unirà a loro Phantom (altro membro della Confraternita), un personaggio estremamente intrigante ma anche molto controverso, che li salverà da un altro attacco e che stringerà, a sua volta, un forte rapporto con Adara (con la quale condivide un segreto importante); inizialmente la sua fedeltà è dubbia.



La serie mi piace moltissimo, già si sapeva, adoro il periodo storico e il modo in cui viene adattato all'intreccio. La Confraternita della Spada è un'idea meravigliosa, per i suoi scopi e per come è organizzata: c'è una scena nel romanzo magnifica, in cui un ragazzo appena liberato dalla prigionia sta tornando a casa con l'aiuto di Dagger, un membro della Spada; purtroppo però quando vede due egiziani che scambia per saraceni, gli orrori vissuti gli offuscano la mente e viene colto da un momento di furia, pazzia e paura di essere ricatturato; solo l'intervento e le parole di Christian e degli altri confratelli, lo aiuteranno ad abbassare la guardia e il momento in cui esce dalla nave che lo trasportava e capisce di essere finalmente libero è davvero, ma davvero, splendido, sereno, profondo e commovente.

Christian è un uomo che ha una terrbile paura di perdere chi ama e per questo motivo rifiuta la vicinanza con Adara; mi sono piaciuti molto tutti e due. Ho adorato Phantom (Velizarii yon Kranig); Lutian è divertentissimo. Le interazioni fra i confratelli che incontrano nel loro cammino, l'amicizia e la fedeltà che li lega sono bellissime e spesso divertenti.

La MacGregor ha una scrittura estremamente accattivante, sarcastica ed irriverente, continuo a pensare che il suo capolavoro (tra quelli che ho letto) sia Taming the Scotsman ma ogni suo libro che leggo ha qualcosa di speciale.


Buona lettura!




M.E.G.




                                

Serie La Confraternita della spada: 1. Il cavaliere dei desideri (Draven, Emily)
                                                                2. Il cavaliere del re (Sin, Caledonia)
                                                                3. L'estate della passione (Simon, Kenna)
                                                                4. La poetessa e il cavaliere (Stryder, Rowena)
                                                                5. Il ritorno del guerriero (Christian, Adara)
                                                                6. Il guerriero (Lochlan, Catarina)
                             


No comments:

Post a Comment