Thursday, 20 June 2013

Commento: Lord Of Wicked Intentions (serie The Lost Lords of Pembrooke)



Autore: Lorraine Heath
Titolo Originale: Lord Of Wicked Intentions
Titolo Italiano: (inedito in Italia)
Anno Pubblicazione: 2013

Genere: Romance
Ambientazione: Inghilterra, età Vittoriana
Serie: 4° della serie dei Lord perduti di Pembrooke



Giudizio:  10/10




 - Click here to read the comment in English -


Molto bello, è il primo libro che leggo dell'autrice e devo dire che ha uno stile meraviglioso, per di più mi piace il periodo storico, che dopo il medievale è quello che preferisco.
L'inzio del romanzo, che generalmente può essere lento, puramente descrittivo e quindi non particolarmente avvincente, qui è stupendo, io sono rimasta catturata alla terza riga; le prime pagine sono molto commoventi.

Rafe Easton è il più giovane dei Lord perduti di Pembrooke, ovvero i tre fratelli (di cui i primi due sono i gemelli Sebastian e Tristan) che dopo la morte del padre, il Duca di Pembrooke, sono stati spodestati dallo zio cattivo; questo risvolto drammatico nella vita degli, allora, molto giovani lord (Rafe di appena dieci anni e i gemelli di quattro anni maggiori), li ha costretti a dividere le loro strade per più di un decennio, perdendosi completamente di vista. Purtroppo Rafe non ha vissuto affatto bene la separazione; abbandonato a se stesso, prima ha dovuto subire delle dure sevizie dai proprietari dell'orfanotrofio dove i fratelli l'avevano lasciato e, riuscito a fuggire, è vissuto per molti anni nel sudiciume del quartiere più malfamato di Londra, St. Giles, dove per sopravvivere è dovuto scendere a molti compromessi, spesso brutali.

Facendo leva sul punto debole di uno degli uomini più potenti e pericolosi dei bassifondi londinesi, è tuttavia riuscito ad elevarsi dalla crudeltà di St. Giles, diventando il proprietario di una delle case da gioco più in voga della città (e io che, grazie alla mia amata Kleypas, ho sviluppato una passione per i proprietari o affini dei casinò, vedi Derek Craven e Cam Rohan, qui ero già mezza conquistata).

Ora Rafe conduce una vita solitaria, fredda e piena di rancore verso quei fratelli (con cui ora si è riunito ma con i quali mantiene una rapporto superficiale) che non ha mai perdonato per averlo abbandonato quindici anni prima.
Durante una cena, a cui partecipa solo per una questione economica (l'ospite gli deve molti soldi), tutte le sue barriere subiscono un duro colpo quando vede per la prima volta la bellissima Evelyn Chambers; Rafe, quella stessa sera, si trova costretto a prendere una scelta che cambierà la sua vita e quella della ragazza.
Evelyn è la figlia illegittima del Conte di Wortham, a cui è molto affezionata ma che purtroppo, morendo, la lascia tra le grinfie dello spietato fratellastro Geoffrey.
Geoffrey, che non ha mai tollerato Evelyn, ora che è il neo Conte di Wortham, è deciso a liberarsi della sua sorellastra e trova il modo di prendere due piccioni con una fava: cacciarla di casa e guadagnarci sopra; la serata a cui presenzia anche Rafe è stata organizzata proprio per questo. Putroppo Evelyn non è consapevole e non si capacita dell'odio di suo fratello e quando il giorno dopo l'accompagna e l'abbandona a casa di Rafe, lei non vuole accettare l'idea che sia stata venduta per diventare l'amante dell'affascinante proprietario del casinò (con cui peraltro, la sera prima, aveva già avuto un battibecco).





La storia è veramente magnifica, l'ho gradita in tutto e per tutto: ho adorato i momenti in cui Rafe dice, come per convincersi, "not because he cared for her" ("non perché si preoccupasse per lei"); mi è piaciuta molto l'idea della sua passione per i dolci (che sono l'unico piacere e vezzo che si concede), per di più la Heath ha gestito molto bene il suo aspetto più disturbato e fragile, che, come l'espediente di Jasper (To seduce a sinner della Hoyt) ho trovato molto interessante e commovente.
Evelyn, oltre ad avere un bellissimo nome, è molto giusta nel suo ruolo: è riluttante e inizialmente ostile nei confronti di Rafe, ha parecchie remore nel lasciarsi andare e nel capire che il giovane Easton è probabilmente la cosa migliore che le sia capitata; si sente apprezzata, Rafe non la nasconde come invece aveva fatto suo padre a causa della sua illegittimità e, nonostante la sua apparente freddezza, la tratta con rispetto e gentilezza.
E' stupenda infine, l'evoluzione che ha il rapporto fra Rafe e i suoi gemelli, i quali sono estremamente angosciati e rammaricati del distacco che il loro fratello più piccolo, da quando si sono riuniti, dimostra e mantiene nei loro confronti.
Insomma, ve lo consiglio spassionatamente.


Buona lettura!


M.E.G.




Serie The lost Lords of Pembrooke: 1. To taste temptation (Sebastian, Mary)
                                                          2. To seduce a sinner (Tristan, Anne)
                                                          3. Deck the halls with love (Alistair, Meredith)
                                                          4. Lord of wicked intentions (Rafe, Evelyn)


La bibliografia di Lorraine Heath 


No comments:

Post a Comment