Monday, 22 July 2013

Commento: The Mad Earl's Bride (serie Scoundrels)


Autore: Loretta Chase
Titolo Originale: The Mad Earl's Bride (contenuto in Three weddings and a kiss)
Titolo Italiano:  inedito in Italia
Anno Pubblicazione: 1995

Genere: Romance (racconto breve)
Ambientazione: Inghilterra, regency
Serie: 4° della serie Scoundrels (Le Canaglie)


Giudizio: 9/10





Beh è commovente. Mi è piaciuto molto, è una bella storia, anche abbastanza particolare.



Dorian Camoy come il resto della sua famiglia è assoggettato al duro volere e al despotismo del capofamiglia, il nonno di Dorian e Conte di Rawnsley.
La madre di Dorian è uno dei soggetti preferiti del controllo e della cattiveria del suocero, e quando la donna comincia a dare segni di follia viene malamente rinchiusa in un sanatorio. Dorian lo scopre solo diverso tempo dopo e dato l'amore che prova verso di lei, tenta in tutti i modi di farla uscire, fin quando però si rende conto che, purtroppo, la madre effettivamente è mentalmente malata.
Poco dopo la donna muore e Dorian, passati alcuni anni in cui si distanzia completamente dalla famiglia e specialmente dall'odioso nonno, nonostante non fosse il primo in linea di successione per il titolo, per una serie di "sfortunati" eventi, diventa il nuovo Conte di Rawnsley.


Dorian, che soffre da sempre di fortissimi mal di testa e che ha avuto alcune allucinazioni, è convinto di soffrire della stessa malattia della madre e quando il dottore glie lo conferma dandongli sei mesi di vita, Dorian si chiude ancora di più nella solitudine e decide che così dovrà concludersi la sua triste esistenza. Tuttavia il titolo deve essere trasmesso e per il ruolo di sposa viene offerta (e imposta) la bella, caritatevole e amante della medicina, Gwendolyn Adams (cugina di Jessica Trent - Lord of scoundrels).
La ragazza impone la sua presenza a Dorian cercando di farlo ragionare e sorprendendolo con la capacità che dimostra di capire la sua situazione; il giovane conte, catturato dall'impetuosità di lei infine, acconsente al matrimonio.
Gwendolyn fa della sua causa il cercare una soluzione per alleviare le sofferenze del suo nuovo marito, così da permettergli di vivere gli ultimi mesi della sua vita il più tranquillamente possibile. La vicinanza e la sintonia che provano l'un l'altro li unisce sempre di più creando fra di loro un legame profondo e imprevisto. Purtroppo però i mesi passano e, nonostante Dorian grazie alle cure dei Gwendolyn sembrerebbe stare meglio, il tempo del bel conte sta volgendo al termine...



Io due lacrime l'ho versate. C'è da dire che ho temuto un po' per il finale, ad un certo punto ho quasi perso le speranze...la Chase è stata brava a creare dei forti dubbi.
La storia mi è piaciuta, peccato sia un romanzo breve; Dorian è un gran bel personaggio, si sente molto la sofferenza attraverso tutta la storia, prima per il comportamento del nonno, poi per la malattia della madre, per se stesso ed infine, quando trova la donna della sua vita, per la loro storia che non può essere vissuta.
E' molto bello anche il rapporto tra Dorian e Bertie Trent (cugino di Gwen e fratello di Jessica, ora marchesa di Dain), peraltro quest'ultimo qui risulta molto meglio di quanto non faccia in Lord of scoundrels.

Buona lettura!



M.E.G.





Serie Scoundrels: 1. La figlia del leone (Varian, Esme)
                                2. Prigioniero del desiderio (Esmond, Leila)
                                3. Il lord della seduzione (Sebastian, Jessica)
                                4. The mad earl's bride - contenuto in Three weddings and a kiss
                                5. L'ultimo libertino (Vere, Lydia)
                                
La bibliografia di Loretta Chase




No comments:

Post a Comment